Come scegliere un comodino

Elemento indispensabile di ogni camera da letto, il comodino è un alleato fedele che svolge numerose funzioni, diverse a seconda delle nostre abitudini, ma che ha come comune denominatore il fatto di trovarsi accanto al nostro letto, cioè in uno dei punti più intimi della casa.

Sul comodino appoggeremo quanto potrà servirci per la notte: oltre a una lampada per leggere ed a una sveglia, anche oggetti personali come gli occhiali, il cellulare, un libro, una medicina, la crema che abitualmente usiamo prima di dormire.

Qualunque oggetto contenga o ospiti, il comodino è un complemento d’arredo fondamentale: per questo, non va sottovalutato e deve essere scelto in base ai nostri gusti ed alle nostre esigenze, oltre che per risaltare ed enfatizzare lo stile di arredamento della camera da letto.


Come scegliere il comodino perfetto

  1. Definiamo anzitutto quanto spazio abbiamo a nostra disposizione, prendendo le misure esatte del punto in cui andrà collocato il mobile, e avendo l’accortezza di controllare che ad esempio la porta si riesca a chiudere, o, se si tratta di un comodino sospeso, che sia agevole da raggiungere.
  2. Pensiamo a quanto spazio di appoggio e conservazione di oggetti vogliamo avere.
  3. Decidiamo se ci può bastare un semplice tavolino d’appoggio o ripiano, oppure un vero e proprio mobile dotato di cassetti.
  4. Pensiamo a chi lo userà: se si tratta di un comodino destinato alla stanza dei ragazzi, preferiamo un modello semplice e facile da pulire, robusto e non troppo delicato. 
  5. Nel caso in cui debba sostenere un oggetto pesante (ad esempio una lampada antica o ingombrante, accertiamoci che sia robusto a sufficienza).
  6. Per maggiore comodità di pulizia, preferiamo un modello sospeso, o un comodino dotato di ruote.

RICORDA
E’ sempre consigliabile avere l’idea esatta dello spazio che avrete a Vostra disposizione: per evitare brutte sorprese, prendete le misure esatte dell’oggetto che vorreste acquistare,e verificate di avere lo spazio sufficiente dove collocarlo.


Guida alla scelta fra i diversi tipi di comodino

comodino

Aiuto indispensabile per la nostra vita quotidiana, e complemento di arredo fondamentale della nostra camera da letto, il comodino può essere di due tipi:

Tipi di comodino

  • Tavolino da notte
  • Comodino con cassetti

Il tavolino da notte

Il tavolino da notte è posto a fianco del letto, e viene utilizzato di solito per tenere libri, occhiali, medicine e tutto ciò che fa più comodo vicino a sé, ma è un ripiano più o meno grande, privo di cassetti. Può avere anche un altro ripiano, ma si tratta comunque un mobile aperto. Questo tipo di comodino può essere sospeso da terra, oppure avere piedini o ruote che ne consentano un facile spostamento.

Il comodino con cassetti

Si tratta di solito di una sorta di piccola cassettiera, talvolta anche una piccola cabina, quindi un mobile generalmente più compatto, con uno spazio chiuso per riporre biancheria o oggetti di diverso tipo, e con un vano portaoggetti e una maniglia. Questo tipo di mobile è di solito più pesante e compatto, e può avere ruote che ne facilitino lo spostamento.

Spesso quando le persone cercano un comodino, usano questo termine generico sia che intendano un semplice piano d’appoggio per la notte su cui tenere poche cose indispensabili, sia che preferiscano un vero e proprio mobile con anta e cassetti che funga anche da contenitore salvaspazio.

La principale differenza tra i due modelli consiste quindi nello spazio di conservazione che possono offrire, quindi nella presenza o meno di cassetti e/o spazi chiusi per conservare oggetti.

Esistono poi in commercio soluzioni di camere da letto dove la testata del letto incorpora direttamente i comodini, di solito modelli sospesi da terra, costituendo così un blocco unico.

Questo importante complemento d’arredo può essere composto infine da una semplice mensola sospesa, può essere incassato in una nicchia nel muro, di fianco al letto, o infine si può scegliere come comodino anche un oggetto diverso, ad esempio un semplice sgabello, di vario stile, grandezza e misura, adibendolo a piano di appoggio per gli oggetti che possono servire durante la notte. 

CONSIGLIO

Se siete indecisi su quale stile adottare per il vostro comodino e come abbinarlo, ricordatevi che lo stile pulito e lineare si sposa bene con gli ambienti moderni, mentre ad una camera tradizionale sono abbinabili comodini in legno di tipo classico.

Considerazioni generali sulle caratteristiche del comodino

comodini
  • L’altezza: di solito l’altezza del comodino dovrebbe coincidere con l’altezza della parte superiore del materasso, o poco più, questo sia per ragioni pratiche, che per ragioni di estetica e armonizzazione dei vari elementi della camera da letto. La distanza ottimale dal letto è una decina di centimetri, per lasciare spazio a coperte e lenzuola e per evitare di battere le braccia o la testa sul comodino quando si dorme su un fianco.
  • Lo spazio del piano di appoggio: la parte superiore del comodino dovrebbe avere lo spazio almeno per una lampada per leggere, una sveglia e quanto si ritiene indispensabile per la notte. Dipende essenzialmente da cosa siamo abituati a tenere vicino a noi durante le ore di riposo notturno.

Per avere più posto per gli oggetti a portata di mano sul piano del tavolino, si può guadagnare spazio optando ad esempio per una lampada appesa alla parete, e conservando gli oggetti nei cassetti del comodino, anziché sul ripiano.

  • Lo spazio di conservazione: il comodino può essere fornito di uno o più cassetti o ripiani, o anche di un vero e proprio vano portaoggetti richiuso da una piccola anta dotata di una maniglia, o un piccolo spazio a giorno. In questo caso, si disporrà di molto spazio per adibire il comodino a porta oggetti, quali ad esempio biancheria, documenti, medicine, eccetera.

Il comodino può avere anche un ripiano in più, cioè essere uno spazio aperto, ad esempio per riporre libri o altri oggetti che possono stare in bella vista.

  • I materiali: qui la scelta e la varietà sono davvero infinite, e dipendono dai tuoi gusti in fatto di stile e design. Di solito un comodino in legno con accessori in ottone o in ferro si addice meglio allo stile tradizionale di una camera classica, mentre i comodini con elementi in metallo o cristallo e con linee asciutte ed essenziali sono più moderni.

Tuttavia esistono comodini modernissimi in legno, dalle linee pulite, oppure comodini di un bel colore bianco caldo che si adattano facilmente a camere in stile. Esiste sempre l’opzione di scegliere due oggetti diversi, a contrasto tra di loro ma entrambi in armonia con lo stile della camera.

Una buona accortezza è certamente quella di scegliere un comodino solido e robusto, se pensiamo di appoggiarvi sopra oggetti pesanti, quali ad esempio una lampada da tavolo ingombrante.

  • I colori: il colore del comodino va certamente abbinato e armonizzato allo stile e al colore degli altri mobili che compongono la camera da letto; ma anche qui entra in gioco essenzialmente il gusto personale, che potrà farci optare per un oggetto che “stacchi” completamente nel colore dai toni della camera da letto.

In generale, è bene ricordare che i colori chiari riflettono la luce, quindi per avere più luminosità e spazio in camera, è bene optare per materiali chiari o in metallo e vetro, e linee pulite.

I colori scuri assorbono la luce, quindi un comodino nero o in legno scuro, come ad esempio il ciliegio, può aiutare ad attenuare l’eccesso di luminosità in una stanza.

  • I pezzi coordinati: un modo sicuro per non commettere errori – perlomeno dal punto di vista estetico – nell’acquisto di un comodino, è quello di scegliere i comodini all’interno di una camera da letto coordinata, in modo da abbinarli perfettamente al letto, all’armadio e alla cassettiera. Altrimenti se si preferisce giocare sui contrasti si possono osare abbinamenti di stili diversi scegliendo comodini particolari sia nelle forme che nel colore, oppure abbinando pezzi insoliti a contrasto, o infine adibendo a comodino oggetti inusuali.

Dove acquistare un comodino

  • Su Ebay, Catawiki e Amazon troverete una vasta gamma di comodini, per tutte le vostre esigenze di spazio, i vostri gusti e anche le vostre tasche.
  • Oltre ai classici negozi di mobili, anche magazzini di fascia più economica come Mondo Convenienza, Ikea e Maisons du Monde potranno fornirvi spunti e idee per il vostro acquisto. 
  • Siti come outletarredamento.it, conforama.it, negozidiarredamento.it avranno un vasto campionario di stili per tutti i gusti e tutti i prezzi.
  • Etnicoutlet.it e etnicart.it sono siti di mobili etnici ideali per chi ha la passione per i mobili con un fascino particolare.

Infine, per chi ama il genere, sempre più negozi in stile “shabby chic” offrono una varietà di oggetti in questo stile tutto particolare.


Domande Frequenti

🛏️ Qual è l’origine del nome “comodino”?

La parola “comodino” deriva dal francese “commode”, a sua volta preso in prestito dal latino “commodus”. Il comodino si chiama così proprio in ragione della sua funzione, in quanto è posto vicino al letto per avere a portata di mano, cioè comodamente, tutto quanto può servirci durante la notte.

🛏️ L’altezza del comodino dovrebbe essere maggiore di quella del letto?

Non esiste un’altezza standard per questo complemento d’arredo, anche perché a volte può fungere da comodino un oggetto che non lo sarebbe in senso proprio, ad esempio uno sgabello, una pila di libri sistemata ad arte, una vecchia valigia artisticamente decorata.

Come regola generale, tuttavia, il comodino dovrebbe avere la stessa altezza del materasso, oppure essere leggermente superiore, in quanto stando a letto in posizione di riposo è più facile alzare le braccia, piuttosto che abbassarle, per prendere quello che ci serve dal comodino.

🛏️ Che differenza c’è tra un comodino e un tavolino da notte?

Il comodino e il tavolino da notte sono complementi d’arredo progettati per essere posizionati di fianco al letto e per servire all’appoggio di oggetti come libri, acqua, fazzoletti, occhiali, telefono, sveglia, medicinali, e in genere tutto quanto può servire per la notte.

Il comodino è di solito provvisto di uno o più cassetti e ripiani e qualche volta anche di un piccolo vano portaoggetti, chiuso o aperto; il tavolino da notte consiste in un semplice piano d’appoggio. In realtà molti sono i tipi e le variabili di questi due oggetti.

🛏️ E’ sempre necessario avere due comodini in camera da letto?

No, in realtà non c’è una regola prestabilita in questo senso; dipende dallo stile personale, dai gusti, dalla grandezza della stanza o semplicemente dalla necessità di appoggiare o riporre oggetti.

Nella maggioranza dei casi si parte dal concetto di avere due comodini uguali per un fatto estetico, di simmetria del design della stanza, o per necessità di avere lo spazio per riporre oggetti, ma non è detto che questa sia la regola.

Molte persone, ad esempio, optano per due modelli diversi di comodini: uno classico, con i tradizionali cassetti, da una parte del letto, e il secondo magari un piccolo tavolo da notte dall’altra parte del letto.

{ "@context": "https://schema.org", "@type": "FAQPage", "mainEntity": [{ "@type": "Question", "name": "🛏️ Qual è l’origine del nome “comodino”?", "acceptedAnswer": { "@type": "Answer", "text": "La parola “comodino” deriva dal francese “commode”, a sua volta preso in prestito dal latino “commodus”. Il comodino si chiama così proprio in ragione della sua funzione, in quanto è posto vicino al letto per avere a portata di mano, cioè comodamente, tutto quanto può servirci durante la notte." } },{ "@type": "Question", "name": "🛏️ L’altezza del comodino dovrebbe essere maggiore di quella del letto?", "acceptedAnswer": { "@type": "Answer", "text": "Non esiste un’altezza standard per questo complemento d’arredo, anche perché a volte può fungere da comodino un oggetto che non lo sarebbe in senso proprio, ad esempio uno sgabello, una pila di libri sistemata ad arte, una vecchia valigia artisticamente decorata. Come regola generale, tuttavia, il comodino dovrebbe avere la stessa altezza del materasso, oppure essere leggermente superiore, in quanto stando a letto in posizione di riposo è più facile alzare le braccia, piuttosto che abbassarle, per prendere quello che ci serve dal comodino." } },{ "@type": "Question", "name": "🛏️ Che differenza c’è tra un comodino e un tavolino da notte?", "acceptedAnswer": { "@type": "Answer", "text": "Il comodino e il tavolino da notte sono complementi d’arredo progettati per essere posizionati di fianco al letto e per servire all’appoggio di oggetti come libri, acqua, fazzoletti, occhiali, telefono, sveglia, medicinali, e in genere tutto quanto può servire per la notte. Il comodino è di solito provvisto di uno o più cassetti e ripiani e qualche volta anche di un piccolo vano portaoggetti, chiuso o aperto; il tavolino da notte consiste in un semplice piano d’appoggio. In realtà molti sono i tipi e le variabili di questi due oggetti." } },{ "@type": "Question", "name": "🛏️ E’ sempre necessario avere due comodini in camera da letto?", "acceptedAnswer": { "@type": "Answer", "text": "No, in realtà non c’è una regola prestabilita in questo senso; dipende dallo stile personale, dai gusti, dalla grandezza della stanza o semplicemente dalla necessità di appoggiare o riporre oggetti. Nella maggioranza dei casi si parte dal concetto di avere due comodini uguali per un fatto estetico, di simmetria del design della stanza, o per necessità di avere lo spazio per riporre oggetti, ma non è detto che questa sia la regola. Molte persone, ad esempio, optano per due modelli diversi di comodini: uno classico, con i tradizionali cassetti, da una parte del letto, e il secondo magari un piccolo tavolo da notte dall’altra parte del letto." } }] }