11 tipi di morsetti

Hai mai fatto caso a quanti tipi di morsetti ci sono per aiutarti a svolgere impieghi professionali e fai da te? Lavori di meccanica, idraulica, falegnameria, ebanisteria, persino modellismo… potremmo dire che non c’è attività manuale che non richieda il suo specifico strumento.

L’importante è SCEGLIERE QUELLO GIUSTO!

Come?

Scopriamolo insieme.

I diversi tipi di morsetti

Attrezzo utilizzato da molti professionisti e amanti del bricolage per lavori di muratura e falegnameria, la morsa ti consente di tenere temporaneamente insieme più elementi, esercitando una forza di serraggio.

In commercio sono disponibili diversi modelli, ognuno con le proprie caratteristiche: a pompa, a vite, girevole… La nostra guida ti aiuta a fare la scelta giusta in base alle tue esigenze di utilizzo.

1. Morsetto a pompa

È il più forte e il più potente dei morsetti poiché può esercitare una pressione fino a 1.200 chilogrammi. Molto sofisticato, consente assemblaggi precisi ed è il tuo miglior alleato quando si tratta di incollare più parti tra loro.

2. Il morsetto a molla

Ferrestock FSKPRS002 - 2 pinze di fissaggio con...

Il morsetto a molla è ha una ganascia fissa e una mobile. Molto pratica per l’uso quotidiano, questa pinza esercita comunque una modesta pressione e può quindi essere utilizzata nel caso di un pezzo abbastanza leggero e piuttosto sottile.

3. Morsetto a vite

Morsetto-a-vite

Questo attrezzo multiuso consente di regolare la pressione con la vite di bloccaggio. Può fornire una pressione fino a 300 chilogrammi.

4. Morsetto da banco a base fissa

Tipi-di-morsetti-Morsetto-da-banco-a-base-fissa

Disponibile in acciaio o in ghisa, è il tipo di morsetto da banco più utilizzato per via della sua versatilità. Presenta infatti diverse larghezze di aperture e diverse larghezze di ganasce.

5. Morsetto da banco con base rotante

IRWIN 4935505 Morsa da banco con incudine, base...

A differenza del tipo da banco a base fissa, quello con base rotante è in grado di girare su se stesso. Alcuni modelli offrono anche una rotazione a 360 gradi.

6. Morsetto multifunzione

Si tratta della combinazione della morsa da banco con base fissa e della morsa da banco con base rotante. È dotata di ganasce girevoli in grado di trattenere tubi.

7. Morsetto da carpentiere

tipi-di-morsetti-Morsetto-da-carpentiere

È lo strumento essenziale per la lavorazione del legno. Lo riconosci per via della sua mascella larga, progettata per trattenere parti di grandi dimensioni.

Le ganasce sono realizzate in materiale sintetico, in modo da non danneggiare la superficie del legno. Questo tipo di morsetto è generalmente a doppio tirante e fissato con una vite.

8. Morsetto da muratore

Semplice e robusto, è generalmente prodotto in acciaio. Fornisce una pressione di circa 200 chilogrammi. Si deve agire sulla slitta mobile per farlo scorrere sulla guida e attivare il bloccaggio.

9. Morsetto a pinza

Durante i tuoi lavori di bricolage e di muratura, a volte devi tenere saldamente una parte. Il morsetto a pinza ti può aiutare per forare, saldare, levigare, segare o tagliare il legno.

Potrebbe anche essere utile per assemblare due pezzi insieme, serrandoli. Ad esempio, per un’operazione di incollaggio.

10. Morsetto manuale

Puoi maneggiarlo con una mano grazie alla sua particolare struttura. La pressione esercitata è limitata a circa 100 kg, un dettaglio costruttivo che rende questo morsetto molto pratico per incastrare oggetti.

Per serrare in modo efficace, invece, meglio scegliere un modello più efficiente.

11. Morsetto ad angolo

Morsetti Angolari,4 pezzi Set multi-angolo 60...

Il morsetto angolare è un piccolo e pratico morsetto utilizzato per bloccare pezzi che formano un angolo retto, come ad esempio una cornice.

Accessori dei morsetti

In commercio trovi un’ampia scelta di accessori che ti consentono di ampliare lo spettro di utilizzo del tuo morsetto.

Alcuni produttori offrono ganasce magnetiche in alluminio robusto e leggero, che consentono alla punta di resistere alla durezza di qualsiasi tipo di pezzo e di adattarsi alla sua morfologia.

Queste piastre sono disponibili in diverse forme e profili:

  • con scanalature orizzontali, verticali per parti cilindriche e prismatiche
  • rivestite con fibra sintetica dura per il bloccaggio – senza il rischio di segnarle – di parti morbide o dure, lisce, lavorate, rettificate
  • rivestite con feltro per il bloccaggio di materiali delicati come plastica, composito, vetro, e così via

Come scegliere il morsetto giuso

Qui di seguito puoi trovare qualche indicazione che ti può essere utile per identificare il morsetto che meglio si adatta alle tue esigenze di utilizzo.

Capacità di apertura:

La distanza tra le ganasce di un morsetto determina la sua capacità di apertura. Corrisponde alla distanza massima che può separare le due slitte o morsetti.

La capacità di apertura ha quindi un impatto diretto sulla dimensione delle parti lavorabili. Spesso è compresa tra 15 cm e un metro.

Sporgenza:

Per beneficiare di una buona tenuta del pezzo, la lunghezza delle slitte è importante. La maggior parte degli scivoli sono lunghi 20 cm ma puoi trovarne di più o meno lunghi.

La tua scelta sarà basata sulle parti che andrai a stringere.

Potenza di serraggio:

La potenza di serraggio deve essere scelta in base al lavoro che si intende eseguire. Nel caso in cui si desideri principalmente incuneare determinate parti, la potenza di serraggio non è un fattore determinante.

Se devi incollare, opta per una pinza a pompa più potente per ottenere fino a 1200 chilogrammi di pressione.

Peso:

I morsetti devono essere maneggevoli: li puoi trovare con un peso che va da 500 grammi a 5 chilogrammi circa.

Materiale:

In genere sul mercato puoi trovare morsetti in ghisa o in acciaio. Ecco quali sono le prestazioni che ciascun materiale è in grado di offrirti.

  • Ghisa.  Il morsetto in ghisa è realizzato in ferro e carbonio. Il contenuto di carbonio è del 2%.

Questa lega si distingue per la sua scorrevolezza, nel senso che la ghisa è molto più fluida in fusione e la sua inerzia termica può raggiungere i 1350 gradi.

  • Acciaio. Anche l’acciaio è costituito da una lega che contiene ferro e carbonio, ma in quantità molto piccole. Il suo contenuto di carbonio è compreso tra 0,02 e 2%.

Si ricorda che l’acciaio è ottenuto dalla ghisa, una volta che quest’ultima ha terminato il processo di decarburazione.

Poiché la ghisa è quindi una materia che funge da base per altri materiali, in genere sono consigliate le morse in ghisa, anche se ovviamente dipende dalle tue esigenze.

Tipo di utilizzo:

Prima di acquistare un morsetto, pensa a come prevedi di usarlo. In questo modo sarà più semplice determinare quale modello si presta a soddisfare meglio le tue necessità.

  • Impiego. Considera innanzitutto che tipo di lavoro vuoi fare. Fa una grande differenza utilizzare il morsetto per lavori di falegnameria (levigatura, taglio, foratura…) o di muratura.
  • Parti. Esamina le caratteristiche delle parti che devi lavorare: quanto sono spesse? di che materiale sono fatte?
  • Frequenza d’uso. Fai un attimo di mente locale sulle tue attitudini al fai da te e immagina con che frequenza pensi di usare il tuo morsetto.

Se è un impiego occasionale, ne può bastare uno, ma se ritieni di usarlo spesso può essere saggio acquistarne almeno un paio. Tieni presente che se ti capita di danneggiarlo perché lo hai stretto troppo, lo puoi sempre riparare.

Conclusioni

Qualsiasi appassionato di bricolage che si rispetti ha bisogno di una mano in più per eseguire i lavori fai da te che richiedono il trattamento di legno e metallo. E il morsetto può supportarti egregiamente in qualsiasi tipo di opera ti interessi realizzare.

Ti consente infatti di trattenere saldamente vari materiali da limare, smontare o tagliare su un banco da lavoro o su qualsiasi altro supporto idoneo.