Tutti i tipi di persiane per migliorare il look della proprio casa

Le persiane sono una tipologia di serramenti con origini antichissime, ma ancora largamente in utilizzo nel presente.

Il termine persiana deriva dalla parola francese persienne, che indica un’imposta atta a proteggere dalla luce solare e dagli agenti atmosferici senza però limitare la circolazione dell’aria all’interno dell’abitazione. Scegliendo prodotti di qualità, si può limitare la presenza di umidità all’interno dell’abitazione e migliorare l’isolamento acustico e termico innalzando la coibentazione del proprio appartamento.

La loro caratteristica primaria è l’essere formate da stecche orizzontali inclinate, che possono variare di larghezza, colore e materiale a seconda della tipologia scelta.

Tra gli oscuranti utilizzati largamente, oltre alle persiane, troviamo anche gli scuri e le tapparelle.

Ma allora come facciamo a scegliere quale è l’oscurante più consone alle nostre esigenze?

Scopriamolo ora.

Differenze tra persiane, tapparelle e scuri

tipologie-di-persiane

Persiane

Sono formate da un telaio fisso, un telaio mobile e uno schermo formato da lamelle inclinate. Queste ultime possono essere fisse, solitamente a 30°, o orientabili da 0° a 180°.

La regolazione delle lamelle garantisce un comfort ottimale in quanto modula l’entrata della luce nell’ambiente garantendo a proprio piacimento un’ottima areazione.

Le persiane hanno anche la funzione di proteggere le finestre dagli agenti atmosferici e dalle intrusioni.

Esistono soluzioni di design che prevedono il loro utilizzo collocandole all’interno dell’abitazione. In questo modo daranno l’effetto di tende veneziana, ma con un aspetto più chic e raffinato.

Per i più tecnologici è possibile meccanizzare la loro apertura controllandole elettronicamente anche tramite smartphone.

Scuri

Gli scuri, o atoni, sono anch’essi finalizzati alla protezione delle finestre.

La loro caratteristica è quella di bloccare totalmente il flusso di luce poiché sono formati da un unico pezzo o da più doghe accostate l’una all’altra senza la presenza di aperture.

Proprio per la loro superficie continua, spesso sono decorati da intarsi o figure intagliate che ne movimentano la figura senza avere una reale utilità.

Hanno un sapore rustico e tradizionale e creano un isolamento termico impeccabile.

Gli scusi si possono collocare all’interno o all’esterno della finestra e possono essere direttamente attaccati a essa con un telaio ad anta complanare o essere staccati e sviluppati su cardini a muro a scomparsa.

In Italia sono per lo più diffusi nelle regioni nordorientali.

Anch’essi possono essere meccanizzati.

Tapparelle

Le tapparelle si differenziano dai  precedenti tipi di oscuranti citati in quanto non prevedono l’utilizzo di ante.

Si avvalgono di un sistema avvolgibile a serranda che scorre su due guide istallate direttamente alla finestra.

Le tapparelle permettono, grazie alla loro discesa graduale, di oscurare la stanza a proprio piacimento.

Il loro telaio, da abbassato, le differenzia in serrande a struttura:

  • Cieca: formata da un telaio continuo .
  • Microforata: costituita da una superficie continua ma con piccoli buchi.
  • A maglia: composta da una rete metallica che ne mostra tutto ciò che è presente dietro.

Possono essere chiuse con abbassamento manuale o elettrico e non occorre l’apertura della finestra per movimentarle.

Anche le tapparelle riparano da intemperie e da intrusioni.

Sono utilizzate per lo più nelle edificazioni moderne e in negozi e garage.

Perché scegliere la persiana

Se non vi siete ancora convinti ricordatevi che le persiane si prestano a ogni tipo di stile architettonico, dal più moderno al più classico.

A differenza della tradizionale tapparella, regalano alle facciate delle case un sapore unico e sempre attuale, con infiniti tipi di colore e materiali svariati.

Sono anche personalizzabili nella forma e nei tipi di apertura.

Sono, infine, più funzionali degli scuri per la presenza di lamelle orientabili che facilitano l’entrata di luce e aria senza però essere costretti ad aprirne le ante.

Le tipologie di persiane

Le-persiane

Scelta la persiana come serramento, bisogna scegliere quale tipologia è più adatta alla nostra abitazione e al contesto architettonico. Qui di seguito troviamo una lista delle più utilizzate in generale, ma ricordiamoci che possiamo sempre proporre al fabbricante delle modifiche particolari.

Persiane a battente

Sono le più utilizzate e sono formate da una o più ante che si aprono all’esterno dell’abitazione. I loro cardini sono fissati direttamente alla parete. Ne esistono più varianti:

  • Persiane alla romana: l’anta stessa a battente è suddivisa in due parti creando la possibilità di apertura solo della parte superiore o solo della inferiore.
  • Persiane alla genovese: sono provviste di uno sportello all’interno dell’anta collocato sulla parte inferiore. Questo può essere aperto all’esterno quando l’infisso è chiuso, come un vasistas al contrario,  in modo da poter arieggiare l’ambiente e far entrare la luce del sole, mantenendo la privacy.

Questa tipologia, molto usata sulla riviera ligure ed è per questo che prende questo determinato nome, è famosa e utilizzata anche in tutto il mondo.

Le stecche alla genovese hanno solitamente una larghezza superiore rispetto alle semplici persiane a battente e i loro angoli oltre a essere arrotondati sono anche sagomati.

Persiane a libro o a pacchetto

Le ante delle persiane a libro sono provviste di apposite cerniere che scorrono su carrelli in grado di farle richiudere su se stesse impacchettandole come se fossero una fisarmonica. Per questo prendono anche il nome di persiane a pacchetto.

Questo meccanismo è utile per limitare il loro ingombro nello spazio.

Esistono due diverse aperture:

  • L’apertura scorrevole a libro è caratterizzata da ante che scivolano su due guide e rimangono perpendicolari alla finestra una volta richiuse su se stesse.
  • L’apertura a libro completo lascia la finestra totalmente libera perché le sue ante sono in grado di aprirsi fino ad aderire alle pareti esterne. Vi è la possibilità così la possibilità di ancorarle al muro in caso di forte vento.

Per mantenere un buon isolamento da aria e acqua, le persiane a libro sono spesso fornite di una guarnizione esterna e di una centrale doppia.

Resistono bene alle intemperie e hanno costi di manutenzione contenuti.

Persiane scorrevoli o a scomparsa

Le persiane scorrevoli sono caratterizzate da due guide posizionate sul lato superiore e inferiore dell’infisso che permettono di farle scorrere su un binario evitando così spiacevoli ingombri di spazio interni o esterni all’abitazione.

Per una scelta più discreta e sicuramente più estetica si ricorre alle persiane a scomparsa che hanno lo stesso meccanismo delle precedenti ma scorrono all’interno del muro tramite l’installazione di un controtelaio.

Questa è anche la scelta migliore per proteggerle dagli agenti atmosferici.

Persiane blindate

Realizzate solitamente in ferro e acciaio, ma anche con altri materiali,  le persiane blindate vengono predilette da chi mette al primo posto la sicurezza.

Per questo motivo devono rispettare dei requisiti specifici. Alcuni di questi sono le chiusure e le serrature antieffrazione e i rostri antistrappo e antitrapano.

Le ante devono essere resistenti al taglio di utensili manuali e avere un profilo di protezione.

Le ovaline devono presentare un sistema di antisfondamento.

Finestra a persiana

Poco diffusa in Italia, la finestra a persiana è un ibrido tra le due. È formata da una superficie trasparente suddivisa in più stecche orientabili per regolare l’ingresso dell’aria all’interno dell’abitazione.

La luce in questo caso invece non può essere regolata a causa della trasparenza della struttura.

È sicuramente un serramento innovativo ma poco affidabile per quanto riguarda la sicurezza. Infatti è molto utilizzata negli Stati Uniti meridionali dove per proteggersi dalle intrusioni si adoperano sistemi di antifurto e non infissi blindati.

I materiali usati per le persiane

persiane

Anche nella scelta dei materiali abbiamo diverse opzioni per la creazione delle persiane più adatte alle nostre esigenze.

La scelta più economica è sicuramente quella del pvc, mentre quella più dispendiosa ma ben più raffinata è quella del legno.

Il fattore prezzo non è però l’unico che ci deve interessare, andiamo perciò a valutare altre caratteristiche dei materiali.

Persiane in legno

Le persiane in legno sono molto ricercate per la loro finezza ed eleganza unitamente al loro funzionale isolamento termico e alla loro fono assorbenza.

Il legno è un materiale ecologico semplice da reperire e riciclabile.

La sua facile lavorazione si presta alla creazione di vari stili architettonici e le sue varietà di colori sono infinite.

Si va dal mogano al ciliegio, più cari ma pregiati, al castagno, al rovere,  fino al pino e all’abete, molto meno cari ma sempre di design.

Se si vuole mantenere il colore naturale si procede con una laccatura trasparente, mentre se si preferisce una tonalità diversa si utilizza una laccatura a poro aperto che lascia intravedere le venature del legno, o a colore totalmente coprente.

Il legno impiegato deve essere sottoposto a una lunga stabilizzazione per evitare deformazioni nel tempo e trattato con appositi prodotti certificati per assicurarne una lunga durata.

Nonostante ciò, la manutenzione deve essere ordinaria e gli infissi devono essere riverniciati spesso per mantenere la loro bellezza.

Persiane in alluminio

Nate più recentemente, quindi più moderne, rispetto alle sopracitate in legno, le persiane in alluminio sono largamente utilizzate per la loro resistenza e durevolezza nel tempo a vantaggio di una richiesta di manutenzione minima.

La gamma dei colori è svariata perché si parte dal classico telaio anodizzato che può essere verniciato in qualsiasi modo, anche ricreando diversi dettagli come l’effetto legno.

L’alluminio è un materiale riciclabile ed estremamente leggero ma la sua fono assorbenza è proporzionale al suo spessore, che se è elevato risulta antiestetico e poco maneggevole.

Inoltre l’alluminio è un ottimo conduttore e pertanto difetta per isolamento termico.

Per ridurre queste due problematiche viene creata nell’infisso una intercapedine  successivamente riempita con materiali isolanti quali la lana di roccia o il poliuretano espanso.

Questo rende la persiana più fine esteticamente e più leggera, insonorizzando l’ambiente interno e proteggendolo dai cambiamenti climatici.

L’alluminio è un materiale privo di ferro e quindi risulta particolarmente resistente all’ossidazione ma è sconsigliato nei luoghi di mare, in quanto poco resistente alla salsedine.

Persiane in pvc

Le persiane in pvc sono famose per la loro resistenza agli agenti atmosferici e il loro importante grado di  isolamento termico e acustico.

Sono completamente ignifughe e resistenti all’umidità e alla salsedine, per cui riescono a perdurare anche nei luoghi marittimi.

Hanno un design accattivante che varia in stili e colori mantenendo però un costo relativamente economico, rispetto al tanto amato legno.

L’economicità deriva dal fatto che il pvc  è un prodotto plastico di basso valore intrinseco, derivante dal petrolio. È importante sapere che, se viene utilizzato per la sostituzione di infissi di dimore storiche, ne riduce drasticamente il valore.

La sua composizione comunque non risulta nociva ed è ammessa dal regolamento Reach della Unione Europea.

Le persiane in pvc non richiedono una particolare manutenzione, ma solo un controllo nel lungo periodo di alcune parti meccaniche. Il materiale di costruzione è indeformabile per cui anche dopo diversi anni la struttura risulterà sempre inalterata.

Attenzione però allo scolorimento dovuto alla prolungata esposizione ai raggi solari. Il legno può essere riverniciato mentre per il pvc purtroppo è meglio la sostituzione.

Persiane in ferro e acciaio

Poco comuni perché meno estetiche delle sopracitate, le persiane in ferro e in acciaio risultano però eccezionali per l’aspetto della sicurezza.

Il ferro è un elemento chimico difficilmente reperibile puro in natura. È spesso unito al carbonio in una lega chiamata acciaio. Infatti le persiane che comunemente troviamo in commercio sono di acciaio e non in ferro.

Le proprietà dell’acciaio sono la resistenza meccanica e la capacità di mantenere invariata la propria forma anche ad alte temperature, in quanto il punto di fusione di questo materiale è molto elevato.

Per rendere l’acciaio resistente all’ossidazione e alla ruggine si può procedere nei seguenti modi:

  • Utilizzando l’acciaio zincato, frutto della zincatura a caldo che riveste il materiale proteggendolo dall’ambiente esterno.
  • Adoperando leghe come l’acciaio inox, resistente perché povero di carbonio e contenete cromo. Attraverso il processo di decapaggio si rimuovono le impurità dalla superficie metallica e con la passivazione la si protegge dall’ossigeno e da altri agenti chimici.

Curiosità

La persiana nasce nei paesi orientali, probabilmente in Persia, e in antichità era una struttura fissa di pietra che non si poteva aprire. Nel gergo comune  è conosciuta anche come gelosia, indicando l’intera struttura o solo la parte inferiore che in alcune persiane può essere abbassata o alzata a piacimento.

Il termine gelosia deriva dal fatto che questi infissi consentono di guardare all’esterno  senza però essere visti. In questa maniera le donne in casa non potevano essere oggetto di sguardi indiscreti da parte degli uomini.

Le persiane non sempre hanno uno scopo funzionale. La loro struttura viene anche utilizzate come semplice ornamenti decorativi e la possiamo ritrovare nella ante di mobili o addirittura sulle porte interne delle abitazioni.


Domande frequenti

🏠 Le persiane sono facili da pulire?

Le persiane sono soggette ad agenti atmosferici, polveri e smog e quindi tendono a sporcarsi facilmente, ma la loro pulizia risulta altrettanto semplice soprattutto se provviste di lamelle regolabili.

Innanzitutto mai cercare di rimuovere la polvere utilizzando direttamente l’acqua ma adoperare panni morbidi, pennelli e aspirapolveri con beccucci appositi per le fessure. Successivamente, utilizzare soluzioni di acqua calda e aceto o un semplice sgrassatore non aggressivo e asciugare con cura.

🏠 Le persiane vanno bene per le camere da letto?

Le persiane sono una soluzione ottimale per ogni stanza della casa. A maggior ragione, grazie alle loro qualità di isolamento acustico e termico offrono un luogo confortevole dove rilassarsi.

Le varianti provviste di lamelle orientabili sono poi ottime per regolare l’afflusso di luce all’interno della stanza. Permettono di avere un buon oscuramento, importante per un buon riposo, senza dover utilizzare le classiche tende oscuranti, molto meno estetiche e ricettacolo di polveri e allergeni.

🏠 Le persiane riducono i rumori?

Le persiane riducono in generale la percezione dei rumori provenienti dall’esterno.

Alcuni modelli sono famosi per la loro fono assorbenza grazie alla creazione di una intercapedine al loro interno che viene riempita da inserti di materiali isolanti.

Per una soluzione ottimale sarebbe opportuno abbinare la persiana fono assorbente con una finestra a triplo vetro.

🏠 Quanto durano le persiane?

La durata della garanzia di una persiana si estende dai due anni ai dieci anni. Ciò non vuol dire che ogni decade siamo costretti a cambiare i nostri infissi, anzi, se si opta per persiane di buona qualità e si effettua una buona manutenzione, la loro durata può arrivare tranquillamente ai venticinque anni.

La loro usura non necessita per forza di una sostituzione. Se una o più lamelle risultano rovinate o rotte, si può procedere alla loro sostituzione senza necessariamente cambiare l’intero serramento.

🏠 Le persiane possono essere dipinte e verniciate a spruzzo?

La maggior parte delle persiane in commercio è verniciata. La vernice, infatti, dona bellezza e lucentezza al serramento e lo protegge.

Il metodo più utilizzato per la loro tinteggiatura è la verniciatura a spruzzo che ne consente una colorazione veloce e la possibilità di un ritocco successivo con un pennello.

Sono disponibili un’infinita gamma di colori per rendere flessibili a ogni contesto.

🏠 Le persiane possono essere montate su qualsiasi finestra?

Certo, perché sono serramenti estremamente versatili e possono essere utilizzati su ogni tipo di porta o finestra. Le più gettonate sono quelle a forma rettangolare, ma non per questo bisogna considerarle come unica opzione.

Per soddisfare design moderni e forme non standardizzate, i produttori di persiane offrono sopralluoghi degli ambienti e creazioni su misura dei serramenti desiderati.

{"@context":"https://schema.org","@type":"FAQPage","mainEntity":[{"@type":"Question","name":"🏠 Le persiane sono facili da pulire?","acceptedAnswer":{"@type":"Answer","text":"Le persiane sono soggette ad agenti atmosferici, polveri e smog e quindi tendono a sporcarsi facilmente, ma la loro pulizia risulta altrettanto semplice soprattutto se provviste di lamelle regolabili. \nInnanzitutto mai cercare di rimuovere la polvere utilizzando direttamente l’acqua ma adoperare panni morbidi, pennelli e aspirapolveri con beccucci appositi per le fessure. Successivamente, utilizzare soluzioni di acqua calda e aceto o un semplice sgrassatore non aggressivo e asciugare con cura."}},{"@type":"Question","name":"🏠 Le persiane vanno bene per le camere da letto?","acceptedAnswer":{"@type":"Answer","text":"Le persiane sono una soluzione ottimale per ogni stanza della casa. A maggior ragione, grazie alle loro qualità di isolamento acustico e termico offrono un luogo confortevole dove rilassarsi. \nLe varianti provviste di lamelle orientabili sono poi ottime per regolare l’afflusso di luce all’interno della stanza. Permettono di avere un buon oscuramento, importante per un buon riposo, senza dover utilizzare le classiche tende oscuranti, molto meno estetiche e ricettacolo di polveri e allergeni."}},{"@type":"Question","name":"🏠 Le persiane riducono i rumori?","acceptedAnswer":{"@type":"Answer","text":"Le persiane riducono in generale la percezione dei rumori provenienti dall’esterno. \nAlcuni modelli sono famosi per la loro fono assorbenza grazie alla creazione di una intercapedine al loro interno che viene riempita da inserti di materiali isolanti. \nPer una soluzione ottimale sarebbe opportuno abbinare la persiana fono assorbente con una finestra a triplo vetro."}},{"@type":"Question","name":"🏠 Quanto durano le persiane?","acceptedAnswer":{"@type":"Answer","text":"La durata della garanzia di una persiana si estende dai due anni ai dieci anni. Ciò non vuol dire che ogni decade siamo costretti a cambiare i nostri infissi, anzi, se si opta per persiane di buona qualità e si effettua una buona manutenzione, la loro durata può arrivare tranquillamente ai venticinque anni. \nLa loro usura non necessita per forza di una sostituzione. Se una o più lamelle risultano rovinate o rotte, si può procedere alla loro sostituzione senza necessariamente cambiare l’intero serramento."}},{"@type":"Question","name":"🏠 Le persiane possono essere dipinte e verniciate a spruzzo?","acceptedAnswer":{"@type":"Answer","text":"La maggior parte delle persiane in commercio è verniciata. La vernice, infatti, dona bellezza e lucentezza al serramento e lo protegge. \nIl metodo più utilizzato per la loro tinteggiatura è la verniciatura a spruzzo che ne consente una colorazione veloce e la possibilità di un ritocco successivo con un pennello. \nSono disponibili un’infinita gamma di colori per rendere flessibili a ogni contesto."}},{"@type":"Question","name":"🏠 Le persiane possono essere montate su qualsiasi finestra?","acceptedAnswer":{"@type":"Answer","text":"Certo, perché sono serramenti estremamente versatili e possono essere utilizzati su ogni tipo di porta o finestra. Le più gettonate sono quelle a forma rettangolare, ma non per questo bisogna considerarle come unica opzione.\nPer soddisfare design moderni e forme non standardizzate, i produttori di persiane offrono sopralluoghi degli ambienti e creazioni su misura dei serramenti desiderati. "}}]}